Richieste info e prezzo (riceverete la nostra risposta entro 24-48 ore)
(privacy art. 13 D. Lgs. 196/2003) – Privacy

Felix Schlenker “Quadrat-Collage” 1983

COD: QC2
30cm x 30cm – smalti su legno

Opera astratta che indaga l’essenza del bianco, tramite giochi di geometrie e volumi, altalenando le finiture opache e lucide.

Felix Schlenker,  Felix Schlenker-Mauch ( 12 luglio 1920  Schwenningen – luglio 2010 Ebenda)

Dopo il diploma di scuola superiore nel 1939, Schlenker fu arruolato nel servizio militare fino al 1945. Dal 1945 al 1978 ha lavorato come insegnante presso le scuole elementari e medie in materia di disegno pittorico. Ha anche fondato la “Kleine Galerie Schwenningen” all’inizio degli anni ’60. Nel suo lavoro artistico si dedica alla grafica e alle immagini con una chiara didattica ottica e l’uso più economico del colore. Nel 1966 espone in una mostra personale alla Galerie Wirth Berlin i suoi “nail pictures”, oggetti pittorici in cui monta chiodi a ferro di cavallo disposti in file su pannelli duri o truciolari. Naturalmente, a causa del materiale utilizzato, erano meno dettagliate e belle delle sue serigrafie. Nel maggio / giugno 1967, Schlenker ha preso parte alla leggendaria mostra “Serial Formations” nella galleria degli studi dell’Università Johann Wolfgang Goethe, curata da Paul Maenz e Peter Roehr.

Dal 1964 al 1991 Felix Schlenker ha partecipato regolarmente alle mostre dell’Associazione tedesca degli artisti. Come collezionista, ha riunito un vasto pacchetto di opere di colleghi artisti di cui era amico, che ha esposto nella biblioteca della città e donato alla città di Villingen-Schwenningen come collezione Felix Schlenker nel 1992. Ha tenuto mostre personali nel 1984 al Museum of Non-Objective Art, Otterndorf e nel 2008 al Museum of Art and History, Hüfingen. Nel 1990 è diventato professore dello stato del Baden-Württemberg. Morì undici giorni prima del suo novantesimo compleanno. Due delle opere dell’artista sono nella collezione del Mondriaanhuis di Amersfoort.