Loading...

Mobili Tirolesi e Mobili Antichi

ANTICHITÀ MISSAGLIA: MOBILI TIROLESI DIPINTI ANTICHI, QUADRI, ANTIQUARIATO.

Antichità Missaglia opera a Padova nel settore dell’antiquariato, ed in particolare dei mobili antichi e dei mobili tirolesi, fin dagli anni settanta, quando la fondatrice, Maria Jole Francescon, aprì il primo negozio, ancora oggi sede principale di Antichità Missaglia. Nel corso degli anni l’attività si è evoluta passando il testimone, circa quindici anni fa, a Missaglia Romeo Iglis. Oggi Antichità Missaglia offre un’ampia scelta di mobili tirolesi dipinti, mobili rustici in legno dolce, mobili eleganti del ‘700 e ‘800, quadri italiani e paesaggi montani europei.  Tutti gli oggetti trattati sono accuratamente selezionati, con particolare attenzione all’originalità degli stessi. Sarete informati senza esitazioni su qualsiasi intervento di restauro i nostri mobili abbiano subito, in modo da avvicinarvi in tutta sicurezza e serenità all’antiquariato e all’acquisto di un bene che, al contrario di molti altri, acquista valore nel tempo.

ULTIMI ARRIVI: MOBILI ANTICHI, MOBILI TIROLESI E QUADRI

Q109 – Luigi Cima

A120

Q115 – Iras Baldessari – Venezia

T80

Q114 – Pagan Luigi – Chioggia

A117

C80

Q107 – E. Kettemann – Val Gardena

Q112 – S.Travaglia – Monte Cero

R25

CR70

T76

Luigi Cima
Paesaggio innevato
23cm x 36cm

Scopri di più
contatti mobili e antiquità

Per valutazioni o proposte di vendita mandateci una mail o telefonate
ai numeri 347/5979877 – 049/680454

spedizioni mobili antichi

Spedizioni verso tutte le destinazioni,
nazionali ed estere.

Mobili Tirolesi

mobili tirolesi

Il mobile tirolese: storia dei mobili dipinti alpini. L’uso della pittura nella decorazione del mobile nasce nel Quattrocento. Molti sono infatti gli artisti dell’epoca impegnati a impreziosire la rustica struttura degli arredi che si tramutano cosi in sontuosi ed eleganti elementi in grado di abbellire le dimore.

Mobili Antichi

mobili antichi

Il Mobile antico: storia degli arredi antichi. L’Ottocento in Italia ripropone quella disomogeneità stilistica, quel succedersi, accavallarsi, mescolarsi di generi che rimane la caratteristica principale di questo secolo per il mobile europeo in generale.